07 marzo 2009

Serve la tutela da Ufo?

Strane visioni dal mondo della finanza. Danni apparentemente senza spiegazione potrebbero far nascere la polizza per gli Ufo? Non ci sarebbe da sorprendersi. Anche perchè esiste già.
Se ne sentono proprio di tutti i colori. Certo è che in mezzo a chi decide di assicurarsi sul rischio calvizie (John Travolta, 2 milioni di dollari in caso di perdita totale di capelli), sui propri attributi (Mick Jagger, 1 milione e mezzo di euro. Un atto compiuto a dispetto delle sue ex fidanzate, che avevano ironizzato sulle sue dimensioni) o sul proprio fondoschiena (Jennifer Lopez, 2 milioni di dollari), la prospettiva di un prodotto dedicato ai danni provocati da Ufo non appare neanche troppo remota.
Ebbene sono partite le indagini assicurative dopo che una turbina ad energia eolica a Conisholme, in Inghilterra, è stata danneggiata ad inizio gennaio da, si sospetta, un attacco di un Ufo. Secondo il tabloid inglese The Sun, abitanti del luogo hanno detto di essere stati svegliati da un forte colpo alle 4 di mattina, dopo che erano state intraviste strane luci dirigersi verso l’aerogeneratore eolico, alto 88 metri. Ci sono stati severi danni ad alcune delle pale dell’aerogeneratore, della lunghezza di 20 metri ciascuna; secondo il giornale, una pala è stata addirittura completamente squarciata nell’incidente.
Gli Ufo, se ci si mettono, combinano dei veri disastri a quanto pare. Una volta quindi identificata la natura del danno (navicella spaziale o simili), appare opportuna una tutela specifica. Una tipologia di copertura assicurativa che prevede un’evoluzione del modello già presente. Se è vero che già da una decina d'anni (fonte Reuters) un broker inglese propone una polizza contro il rischio di essere rapiti ed inseminati da extraterrestri. Nata nel 96 per 100 sterline di premio annuo (dati del 96) la Goodfellow Rebecca Ingrams Pearson e' disposta a coprire con un risarcimento di 100mila sterline l'eventualita' di essere rapiti da alieni, e con 200mila sterline il rischio di essere inseminati a bordo di un Ufo.
Chissà cosa ci riserverà il futuro. Nel frattempo potete andare con il vostro amico E.T. a farvi fare un preventivo in caso di eventuale caduta da bici volante.

Nessun commento: