21 febbraio 2008

DIAMO CORSO A CHI VUOLE SAPERNE DI PIÙ

PREMESSAA distanza di cinque anni - da quando cioè il suo nome si è imposto all'attenzione della comunità ufologica internazionale - la controversa figura di Philip Corso non è stata ancora adeguatamente analizzata. Dopo la pubblicazione del suo libro "Il giorno dopo Roswell" in Italia, ci si attendeva dal Colonnello ulteriori elementi che però non sono venuti fuori. A ciò ha certamente concorso la sua morte nel 1998, poco dopo la sua accusa al Governo USA di avere dichiarato il falso sulla questione Roswell. Ma è anche una realtà che chi avrebbe potuto e dovuto pubblicare di più non lo ha fatto. Noi, che per primi abbiamo storicamente verificato le credenziali e le attività di Corso in Italia e in USA, che lo abbiamo ospitato al Simposio Mondiale di San Marino e che abbiamo (come altri) ricevuto da lui precise documentazioni, con l'impegno a renderle pubbliche se "in un ragionevole lasso di tempo" quanto da lui fornito per essere pubblicato nella forma di un secondo volume non fosse stato reso noto, ci troviamo oggi di fronte all'impegno morale di adempiere alle sue ultime volontà, comunicateci telefonicamente pochi giorni prima di morire. Un obbligo morale conferitoci in extremis, dunque, cui ormai a quattro anni di distanza non possiamo più sottrarci. Tanto più che - per l'interesse dell'ufologia - abbiamo da dire anche la nostra sul materiale di Corso, che ha avuto nel Console italiano Alberto Perego - come vedremo meglio nel prossimo numero - un vero e proprio precursore, e non certo a caso. Sui "Corso Files" in nostro possesso torneremo più volte perché non li consideriamo un semplice "prodotto editoriale" per fare soldi, a differenza di altri. Viceversa, chi come noi ha il "know how" (che non si improvvisa) per farlo, ha tanto da dire, commentare, comparare e spiegare. Di seguito, quindi, offriamo ai lettori una nostra sintesi di quanto prodotto da Corso in merito ad un problema di capitale importanza: il sistema propulsivo degli UFO.LE RIVELAZIONI DI CORSOCosa direste se i nostri astronauti fossero nelle condizioni fisiche di viaggiare nello spazio per migliaia di anni luce attraversando distanze comprendenti intere galassie? Se avessero la capacità di vivere nello spazio senza perdita di peso o di massa corporea, senza effetti fisici dannosi e, una volta giunti in un altro mondo, di operare tranquillamente come se il programma di un computer funzionasse nelle loro menti? Se i nostri astronauti e le loro astronavi fossero in grado di convertire l'illimitata energia elettromagnetica presente nello spazio in carburante e se le superfici delle loro tute e navi spaziali utilizzassero quest'ultima per muoversi e navigare in funzione delle necessità? Immaginate inoltre che i nostri astronauti possiedano un'intelligenza del tipo di un computer, atta a governare le loro funzioni biologiche.Se riuscite a concepire tutto questo, allora avrete un'idea di quale sia la natura di una Entità Biologica Extraterrestre (EBE, da "Extraterrestrial Biological Entity") e di quanto l'Esercito USA scoprì quando si procedette alle autopsie sui corpi degli "Alieni di Roswell" al "Walter Reed Hospital" dell'U.S. Army. Immaginate anche l'allora Ten. Col. Philip Corso mentre nel 1961 legge i relativi rapporti autoptici, sepolti fra i tanti dossiers del "caso Roswell" al Pentagono, a chiarimento di quanto aveva già visto a Fort Riley nel 1947, solo un mese dopo esservi stato assegnato al rientro dal suo incarico a Roma.Quando l'allora giovane Capitano Corso vide i corpi degli alieni a Fort Riley la notte in cui era di Ufficiale di Picchetto alla base, egli non aveva idea di cosa si trovava di fronte. Nel suo libro "Il giorno dopo Roswell" egli ci dice che tutto ciò che sapeva era che si trattava di materiale super-segreto, tradotto su un camion militare dell'Esercito attraverso il Kansas fino a Dayton (Ohio), dove per via erano stati prontamente inviati i rottami dell'oggetto volante precipitato. Il viaggio per via di superficie era giustificato dall'esigenza di evitare il pur improbabile rischio di un incidente aereo, che avrebbe distrutto i preziosi cadaveri. La verità, egli spiega, l'avrebbe scoperta solo quasi 15 anni dopo, quando il Generale Arthur Trudeau cooptò l'allora Ten. Col. Corso al Pentagono per supervisionare uno dei progetti più segreti mai intrapresi dall'Esercito: gli studi di retro-ingegneria su artefatti alieni tratti dai rottami di Roswell dopo la caduta dell'UFO nella proprietà dell'allevatore Mac Brazel, e la successiva infiltrazione di quanto da essi ricavato nell'Industria americana. Portando avanti tutto ciò, Corso venne a contatto con un gruppo di scienziati ed industriali che lo ispirarono e lo incitarono a credere che si poteva avere "un nuovo mondo" se fossimo riusciti a conquistarlo, come predettogli durante il casuale incontro con una EBE che avrebbe avuto luogo a Red Canyon in New Mexico. Queste ed altre informazioni Corso intendeva approfondirle in un nuovo libro, ma com'è noto - poco tempo dopo avere accusato il Governo USA di affermare il falso su tutta la questione di Roswell - egli morì nel giugno del 1998, lasciando la maggior parte dei suoi scritti inediti in forma di note manoscritte, peraltro fornite in fotocopia a diverse persone, da una Linda Howe ed una Paola Harris in USA ad un Franco Mari, un Roberto Pinotti ed un Alberto Forgione in Italia. Persone che non hanno mai tradito le sue aspettative e i suoi desideri. Corso fu uno dei pochi militari ad avere avuto accesso ai dossiers su Roswell negli archivi governativi. E fu il solo di questo gruppo selezionato che ne avrebbe scritto, per quanto aveva visto e letto. Parte degli archivi governativi parlavano delle EBE (i piloti "progettisti" dell'UFO) i cui corpi furono estratti dai rottami e successivamente sottoposti ad autopsia al Walter Reed Hospital nel 1947. Le note di Corso entravano anche nei dettagli circa lo sforzo di ricerca dell'U.S. Army per sviluppare la tecnologia del "disco" precipitato, e circa il fatto che scienziati consulenti della Divisione Tecnologia Straniera al Comando R&D (Research & Development, ricerca e sviluppo) dell'Esercito, l'unità cui apparteneva Corso - tutti membri del circolo interno dei consulenti del Gen, Trudeau - avevano avuto le loro difficoltà a credere quanto avevano visto e letto circa il velivolo alieno ed i suoi occupanti, tanto l'impatto di tutto ciò era "fuori di questo mondo". Tutta la questione era considerata l'argomento più segreto in possesso del Governo USA, ben di più degli schemi progettuali per la costruzione della bomba atomica.Uno dei più stretti amici di Corso nel circolo interno del Generale Trudeau fu il tedesco Hermann Oberth, uno degli scienziati progettisti a capo del poligono nazista di Peenemunde in Germania e superiore di Wernher Von Braun durante la Seconda Guerra Mondiale.Oberth aveva detto a Corso che il "disco" di Roswell non disponeva di un propulsore nel senso proprio del termine. Non era caratterizzato né da una tradizionale propulsione a razzo né da motori atomici o di altro genere. Peraltro, spiegava Oberth, il mezzo sembrava in grado di utilizzare l'energia elettromagnetica, ricavandola dallo spazio stesso. L'Esercito, scrisse il Col. Corso nelle sue note, "riteneva che un campo elettromagnetico venisse creato attorno al 'disco'. Cambiamenti di intensità e di colorazione venivano causati nella lunghezza d'onda del campo elettromagnetico costruito attorno allo scafo dell'UFO, che traeva consistenza e forza dalla struttura atomica dello spazio stesso". Il propulsore, credeva l'Esercito, era qualcosa sul tipo di un "riciclatore", ovvero un mezzo atto a canalizzare e ridirigere l'energia elettromagnetica di fondo che permea lo spazio in un'onda strutturale ammantante il "disco" e in grado di muoverlo e di farlo navigare in assenza di carburanti come in tutti i motori convenzionali. Lo scafo del mezzo volante, al pari delle combinazioni di volo indossate dai piloti, erano di un materiale allineato dal punto di vista atomico e di struttura ad alta densità atomica, sul tipo dei filamenti di una ragnatela, in grado di fornire al velivolo una grande resistenza strutturale. Esso inviluppava il mezzo volante in modo tale da renderlo in grado di reagire all'elettromagnetismo intorno ad esso in termini impossibili ai tradizionali elementi terrestri.Mentre il "disco" si spostava nello spazio prima e nella nostra atmosfera poi, il moto - per via dell'allineamento degli atomi costituenti lo scafo come pure dell'alta densità della sua struttura - conferiva all'apparecchio una sorta di trasparenza che talvolta lo faceva luccicare.Corso ha scritto: "La superficie atomicamente allineata dell'UFO era caricata elettromagneticamente tanto da creare una forza elettrodinamica. Questa forza, muovendosi esso nello spazio, lo avrebbe rinforzato e riempito, propagandosi fino a che il mezzo avesse raggiunto velocità elevatissime e apparentemente vicine a quella della luce. Le onde gravitazionali nello spazio avrebbero attraversato questo scudo... Non c'erano linee di giunzione nell'UFO - continuano le note di Corso - né rivetti o punti di saldatura. Lo stesso era per gli indumenti delle EBE. I fili argentati delle loro fibre possedevano una grande resistenza, al pari delle strutture componenti l'involucro esterno del 'disco'...". Era come se le saldature che tenevano insieme le varie parti dell'UFO fossero costituite da una forma di energia elettromagnetica. Sembrava "fondere insieme i campi atomici e molecolari, e così non vi erano giunture di sorta, nessuna separazione, come un'entità unica...".Lo scafo dell'UFO e gli indumenti delle EBE erano talmente diversi ed avanzati rispetto a quanto gli scienziati dell'Esercito avevano visto fino ad allora che - quando il Col. Corso cercò di trovare qualche ricerca in fase di sviluppo che potesse trarre vantaggio da quanto contenuto negli Archivi sul Caso Roswell dell'Esercito - egli si concentrò soltanto su industrie che stessero sperimentando le tecnologie più esotiche.Nel corso di una particolare visita nel 1962, Corso assistette ad una dimostrazione, da parte di una di tali industrie, effettuata con "un equipaggiamento di pollici 10x10x8 con su uno dei lati un pannello di controllo, e al cui interno erano inseriti due pezzi di metallo. Poi gli ingegneri accesero quello che chiamavano un 'generatore elettromagnetico'. Parti un leggero ronzio e il tutto si attivò lentamente. Fu premuto un bottone, e udii una forte esplosione, che sembrava originata da una forza possente. Non era diversa dal suono di un grosso cannone o di un tuono, ma più concentrato e localizzato. Quando l'implosione si ebbe una seconda volta, due pezzi di metallo, che avevo inserito nella macchina dopo averli contrassegnati, ne vennero fuori senza linee di giunzione, punti di saldatura o giunti di connessione. Non percepii vibrazioni, tremori o urti di ritorno derivati dalla forza possente e dalla risultante implosione. Redassi un rapporto in merito per il Governo, ma poco dopo andai in pensione e quindi ignoro che cosa poi il Governo ne abbia fatto".Corso scrisse che lo studio preliminare dell'Esercito suddivise la questione della propulsione dell'UFO di Roswell in quattro componenti così denominate:1. Magnetronica - quando gli atomi sono alternativamente accelerati e decelerati2. Magnetostrizione - quando si ha un cambiamento di dimensioni in un corpo ferromagnetico posto all'interno di un campo magnetico3. Dinamica magneto-plasmatica - quando un gas ionizzato viene introdotto in un campo magnetico per produrre corrente elettrica4. Magnetobottiglia - quando si ha un campo magnetico atto a confinare il plasma in una reazione termonucleare.La magnetostrizione si verifica quando un corpo metallico è posto all'interno di un campo magnetico. Ciò, di contro, può causare in esso un cambiamento di dimensioni. Inoltre, l'energia generata dalle parti del mezzo in movimento orientate in direzioni opposte dalle EBE conferivano ad esso l'energia per decollare in qualsiasi direzione."I 'Foo-Fighters' tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale - ha scritto Corso - usavano una gravità zero attorno ai loro serbatoi, e i loro motori, in virtù dell'uso dello spin opposto dei propulsori, generavano campi elettromagnetici". Poi, quel tale "(Viktor) Shauberger fece uso della contro-rotazione. Attivato, il suo apparecchio sfondò il tetto di un capannone e i tedeschi concepirono un sistema per individuare dall'alto i carri armati muovendosi lungo il sistema magnetico a griglia terrestre".Secondo Corso, gli ingegneri dell'Esercito ipotizzavano che circa gli UFO "il segreto delle alte velocità e della propulsione spaziale si basasse sul 'plasma' creato in prossimità del veicolo per produrre spinta, elevazione e cambiamenti di direzione. Una fascia costituita da un campo magnetico o 'plasma' intorno al veicolo dava origine ad uno splendore luminoso e a cambiamenti di colore di questo via via che la velocità aumentava. Ciò non poteva non suggerire ai testimoni un intervento intelligente, di natura probabilmente extraterrestre, utilizzante un sistema propulsivo elettromagnetico". Egli rilevò che nei film a colori il plasma magneticamente allineato produceva spesso una specie di alone o splendore multicolore tutt'intorno al veicolo.Il plasma è un gas ionizzato prodotto a temperature elevate e che contiene quasi in uguale numero cariche positive e negative. È un buon conduttore di elettricità e risulta influenzato da un campo magnetico. Un motore al plasma è un motore a razzo utilizzante spinte prodotte da gas ionizzati accelerati magneticamente. Un campo magnetico esercita una forza su una particella caricata solo se essa è in moto, e le stesse particelle caricate, una volta in movimento, producono ulteriori forze magnetiche tanto da amplificare la somma dell'intera forza risultante.In riferimento al tipo di materiale utilizzato per lo scafo come pure per i loro indumenti dalle EBE, è interessante notare quanto Corso riferisce di avere trovato negli Archivi su Roswell al Pentagono, ovvero un pezzo di "materiale metallico" proveniente dal "disco" schiantato al suolo. Esso era caratterizzato da una superficie incisa che sembrava un misto di plastica e ceramica. Inoltre, dalle informazioni acquisite quando sull'artefatto metallico furono condotti studi di retro-ingegneria dagli esperti missilistici dell'Esercito, "sviluppammo il cono anteriore per i nostri missili (civili) 'Explorer', derivazioni di quelli balistici intercontinentali (ICBM) 'Jupiter' basati sull'originale razzo 'Redstone'. Tale cono anteriore aveva una superficie esterna di plastica o ceramica atta ad assorbire il tremendo calore della penetrazione atmosferica, fondere lentamente e proteggere comunque gli elementi vitali della stessa struttura anteriore del missile".Considerata la "caccia al tesoro" innescata dai reperti tecnologici prelevati dal luogo dello schianto, questo sarebbe stato solo uno dei vari apporti forniti dagli Archivi su Roswell del Pentagono al programma missilistico USA negli anni Sessanta. Per inciso, si consideri che nel 1957 il Col. Corso comandò il Battaglione Difensivo Missilistico dell'Esercito presso il Poligono Missilistico di Red Canyon, a White Sands (New Mexico), che fu la prima unità dell'Esercito USA che intercettò e abbatté con successo un aereo-bersaglio (drone) teleguidato.Dal 1947, scrive Corso, gli USA hanno ripetutamente tentato, attraverso studi di retro-ingegneria, di "copiare" il "disco" di Roswell con tutte le sue componenti propulsive. Gli ingegneri hanno cercato di creare propulsori a ioni come pure atomici, sul tipo del reattore da 60 libbre sviluppato nei tardi anni Sessanta. Tali reattori relativamente piccoli sono anche stati usati in esperimenti sulla propulsione ionica e in vari prototipi di sonde spaziali. La NASA è ancora orientata allo sviluppo di piccole centrali nucleari applicabili al volo spaziale, ma non riesce a risolvere il problema della protezione dell'equipaggio dal pericolo delle radiazioni atomiche e dall'effetto dei raggi cosmici nel corso di voli spaziali di lunga durata.L'UFO E LE EBEIl Col. Corso riteneva che vi fosse una interazione fra le EBE pilotanti l'UFO ed il mezzo spaziale tanto incredibile quanto fantastica, e cioè una interfaccia simbiotica di tipo bio-meccanico ed elettronico fra chi pilota ed il velivolo da lui controllato. Egli vide ciò come una forma di ergonomia digitale comprendente un flusso di elettromagnetismo che legava dal punto di vista neurologico l'EBE alla propria navicella. Era come se il pilota e il mezzo diventassero una sola entità, in cui il cervello della EBE si integrava con l'onda elettromagnetica propagantesi attorno all'UFO. Utilizzando una banda frontale atta a trasmettere i propri impulsi psichici, l'EBE appariva in grado di manipolare diversi campi elettromagnetici mediante le proprie onde telepatiche come pure mediante le punte delle dita attraverso dei cambiamenti sequenziali (come se suonasse un pianoforte) atti ad aumentare o diminuire la velocità della navetta, nonché di controllarne le varie manovre nell'atmosfera.Le onde elettromagnetiche si manifesterebbero talvolta come collettori distribuiti tutt'intorno al veicolo, e ciò spiegherebbe i numerosi avvistamenti di UFO accompagnati da luci colorate mentre procedono nell'atmosfera. Il Col. Corso riteneva che le EBE fossero il prodotto di una ingegneria genetica aliena specificamente rivolta alla creazione di piloti atti ad affrontare il volo spaziale. Gli esseri umani, come i programmi USA e dell'URSS prima e russo poi hanno provato, non possono viaggiare su lunghe distanze senza registrare una serie di controindicazioni avverse. Anche in missioni spaziali di corta durata astronauti e cosmonauti hanno sperimentato perdita di massa corporea e di stabilità, danni al sistema immunitario, criticità digestive e spossatezza generale I nostri stessi esperimenti di clonazione hanno dimostrato che sarebbe teoricamente possibile costruire geneticamente un "perfetto" viaggiatore spaziale. È forse questo ciò che hanno davvero fatto gli Extraterrestri centinaia di migliaia se non milioni di anni fa? Di che genere di tecnologia disponevano per creare entità (le EBE) geneticamente progettate e computerizzate in grado di esplorare la galassia?Le creature che viaggiano da un mondo all'altro su mandato dei loro creatori alieni sono allora state progettate a livello genetico specificamente per affrontare i viaggi spaziali? Cosa accadrebbe allora, si chiede Corso, se potessimo raggiungere il pianeta delle EBE di Roswell? Vi troveremmo forse una razza ben diversa dalle creature schiantatesi nel New Mexico nel 1947? Si trattava di entità bio-geneticamente prodotte in serie (clonate) per affrontare i rischi dei viaggi spaziali e non per operare nel mondo dei lori creatori?Non certo a torto, Corso conclude che per viaggiare nello spazio su lunghe distanze dovremmo essere "più" che umani. Seguendo i criteri della presunta progettazione genetica delle EBE, i viaggi spaziali sarebbero grandemente agevolati da un corpo atto a proteggere l'organismo dalle radiazioni: Dovremmo dipendere da un elettromagnetismo autoprodotto piuttosto che da ossigeno e cibo. E un incredibile accorciamento nei tempi di viaggio sarebbe prodotto dall'uso di una propulsione elettromagnetica, una energia attivata in funzione delle nostre necessità, come l'elettricità. Sulla base delle relazione autoptiche del Walter Reed Hospital dell'Esercito, il Col. Corso riteneva che le EBE fossero esseri o clonati o comunque realizzati specificamente per il volo spaziale, dal momento che i loro sistemi bio-organici sembravano non solo adattarsi perfettamente ai rigori della esposizione per lunghi periodi alla gravità zero e alle radiazioni cosmiche, ma anche interfacciarsi perfettamente con il mezzo pilotato. Secondo Corso, il cervello delle EBE aveva quattro parti, due per così dire "computerizzate" e due normali. Era quest'organo che presiedeva alla loro "missione"?Per esempio, il cervello era elettromagneticamente interconnesso con il sistema della navicella mediante impianti in silicio nei lobi cerebrali. Questi ultimi erano caratterizzati da quello che gli analisti medici dell'Esercito descrivevano come un insieme di "avvolgimenti esterni", sul tipo di quelli posti interfacciati ad una massa magnetica utilizzata per aumentare le emissioni elettromagnetiche. I patologi dell'Esercito non furono mai in grado di misurare alcuna di tali emissioni, in quanto le EBE erano morte e la loro attività cerebrale era cessata. Ma, ritenendo che ciò che i patologi avevano riscontrato indicasse quanto il cervello si supponeva fosse effettivamente in grado di fare, nulla esclude che tali "avvolgimenti esterni" attorno alle teste delle EBE fossero deputati a quanto sopra detto.Il cervello delle EBE aveva quattro lobi dei quali il Lobo 1 era il più grande. Corso riteneva dalle sue dimensioni che esso non solo funzionasse quale "cervello principale", ma fosse altresì quello dello stesso velivolo, quale parte integrante dello stesso schema progettuale dell'UFO.Il Lobo 2 sembrava agire come in funzione ausiliaria rispetto al Lobo 1, forse in quanto contenente varie istruzioni di programmazione, dati di navigazione, nonché istruzioni in caso di guasti o danni al mezzo o di decisioni critiche. Era come se tale lobo fosse simile ad un cervello umano primitivo caratterizzato da "reazioni di fuga", e cioè dalla capacità di reagire propriamente per salvare il mezzo e i suoi occupanti.Il Lobo 3 era simile al cervello umano, controllante funzioni di supporto vitale come il cuore, il polmone e i muscoli. Esso era altresì in grado di ridurre i requisiti energetici di tali funzioni vitali nel caso di lunghi viaggi nello spazio.Il Lobo 4 controllava la maggior parte del sistema dei muscoli volontari e consentiva alle EBE azioni indipendenti, forse nel caso di missioni ricognitive su pianeti lontani, in modo abbastanza simile alla programmazione che verrà usata dalle nostre sonde robotizzate lunari o marziane per consentire di condurre una esplorazione sulla base della situazione locale del momento.Le EBE indossavano delle fasce frontali che intensificavano le onde celebrali per la comunicazione telepatica, di grande aiuto nel funzionamento "biologico" dell'UFO. Questa fascia frontale fu uno degli oggetti che Corso rinvenne fra i reperti allegati agli Archivi del Pentagono su Roswell, e che consegnò per le possibili applicazioni tecnologiche conseguenti alle industrie aerospaziali legate da contratto al Ministero della Difesa USA. Oggi, tale fascia frontale è utilizzata per aiutare individui fisicamente disabili a muovere un cursore sullo schermo di un computer e piloti collaudatori a tenere sotto controllo certune funzioni di volo del velivolo in volo.Le EBE potevano altresì controllare l'UFO attraverso relays amplificatori di corrente a forma di coppa collegati alle estremità delle dita delle mani? Il Col. Corso notò che in tutte le punte delle dita delle EBE si riscontravano circa 80.000 punti di emissione. È dunque estremamente probabile che attraverso questi relays le EBE trasmettessero istruzioni di guida al sistema di navigazione del velivolo direttamente dalle loro menti mediante le dita delle mani.CUORE E POLMONEL'unico polmone e il cuore surdimensionato (rispetto al nostro) delle EBE funzionavano quasi come un unico organo. Gli scienziati credevano che il polmone immagazzinasse altresì grandi quantità dell'energia elettromagnetica (EM) dell'UFO per lunghi viaggi, che veniva periodicamente rinnovata dalla genesi e dalla trasmissione di energia EM. Il cuore, che non si dilatava nello spazio come un cuore umano, potrebbe non solo avere pompato energia EM alle strutture cellulari del corpo delle EBE, ma essere anche servito come un mezzo teso ad immagazzinare energia per lunghi viaggi, un po' come una batteria.ORECCHIELe EBE avevano delle orecchie piccole, quasi indistinguibili. Probabilmente non avevano bisogno di percepire onde sonore in quanto non parlavano e comunicavano telepaticamente.NASOAnalogamente, il naso era estremamente piccolo in quanto evidentemente l'atmosfera all'interno dell'UFO doveva essere molto concentrata. Inoltre, gli analisti medici del Walter Reed Hospital non riuscirono a determinare come funzionava il sistema olfattivo delle EBE. Pare che l'olfatto non fosse però un senso importante e fosse utilizzato solo per estreme necessità di allarme. Le atmosfere planetarie contenenti i necessari elementi non richiedevano alcuna protuberanza nasale alle EBE, per cui le narici erano alquanto piatte e molto piccole.BOCCALe EBE presentavano un orefizio boccale appena pronunciato, privo di condotti per ingurgitare acqua o cibo.Le EBE non avevano sistema digerente, e ciò spiega l'assenza di denti e di ogni apparato di elaborazione di nutrimenti solidi o liquidi. Così pure va rilevata l'assenza di lingua e corde vocali in quanto le EBE non parlavano ma comunicavano telepaticamente, forse mediante trasmissioni da cervello a cervello e senza bisogno di mezzi ausiliari.OCCHIGli occhi delle EBE sembravano di tipo telescopico e avevano un cristallino mediano, che fungeva da collettore luminoso. Tale cristallino, o "terza palpebra", costituiva la base per quello che fu denominata "visione notturna". Ecco perché le grandi cornee esterne delle EBE apparivano nere. Secondo Corso, il Gen. Trudeau gli dette istruzioni di incoraggiare gli scienziati del Laboratorio per la Visione Notturna di Fort Belvoir perché utilizzassero la bio-tecnologia della "terza palpebra" come modello per gli occhiali da visione notturna. Nel relativo capitolo (intitolato "La Conquista della Notte") relativo alla storia pubblicata delle ricerche condotte a Fort Belvoir, i ricercatori citano il sostegno ricevuto dal Gen. Trudeau nei primi anni Sessanta per lo sviluppo di un sistema di "visione notturna" atto ad essere utilizzato dai soldati USA in Vietnam.PELLECome descritto in "Il giorno dopo Roswell", il Col. Corso sosteneva che la pelle delle EBE, al pari della struttura esterna dell'UFO, sembrava come "costruita" attorno alle entità e al mezzo quasi come una ragnatela stratificata. E come una ragnatela, la struttura molecolare era atomicamente allineata in senso longitudinale ed estremamente denso in modo da essere caratterizzata da una estrema resistenza alla tensione per quando fosse leggera come una rete di filamenti. Tale resistenza strutturale proteggeva le EBE dalle radiazioni cosmiche, elettromagnetiche e dalle escursioni termiche proprie dello spazio.Prima di morire, Corso disse in varie interviste che uno dei suoi maggiori crucci consisteva nel fatto che nessun laboratorio era stato in grado di duplicare la super-resistenza della struttura molecolare di fabbricazione aliena. Oggi, comunque, sono in attuazione esperimenti genetici facenti uso dei geni di ragni per duplicare la resistenza alla tensione delle tele di ragno.Con la eccezione della colonna vertebrale, che appariva particolarmente atta a resistere alle sollecitazioni dovute ai rigori di un viaggio spaziale, e di uno scheletro che era più tensile che rigido, le altre funzioni biologiche delle EBE sembravano del tutto secondarie, come se dovessero essere utilizzate solo per missioni di ricognizione della superficie terrestre. Le EBE erano creature principalmente legate al loro mezzo e quasi tutt'uno con la sua programmazione di pilotaggio.Corso credeva che gli aspetti più complessi e sofisticati delle creature fossero da ricercare nella loro interfaccia con l'UFO e con la capacità di comunicare telepaticamente. Al di là di ciò, esse mal si adattavano ad altri ambienti e contesti. Il che convinse Corso che ci si trovava davanti a degli esseri clonati per il fine di pilotare, navigare ed effettuare esperimenti nel corso di missioni specifiche. Le EBE, quindi altro non sarebbero state che versioni biologiche dei nostre sonde spaziali robotizzate, programmate per eseguire esperimenti sulla superficie dei pianeti visitati.La vera potenza della tecnologia aliena, credeva il colonnello, consisteva nella capacità degli extraterrestri di manipolare telepaticamente lo spazio e il tempo. Tale forma di "proiezione astrale" ET affascinava ed atterriva ad un tempo l'Esercito USA, e così pure quanti ne vennero a conoscenza in altre branche del Governo, e fu una delle principali ragioni che innescarono il "cover up" conseguente all'UFO-crash di Roswell.La comunicazione telepatica, la psicocinesi, l'ingegneria biologica, la capacità per un organismo di interfacciarsi con un computer: queste sono solo alcune delle esplorazioni di frontiera condotte oggi dalla specie umana. Che tutte queste discipline possano un giorno fondersi in una sola, come gli alieni di Roswell dimostrerebbero, è certo un concetto difficile da immaginare. La speranza sarebbe che lo studio delle implicazioni relative al loro uso e abuso non vada seriamente al di là degli sviluppi scientifici più prossimi a realizzarsi. Questo punto, in particolare, interessava Philip Corso e questo avrebbe voluto che si continuasse a seguire per il bene dell'umanità.

Nessun commento: