08 febbraio 2008

Acqua su Encelado una delle Lune di Saturno !



E' da sempre uno degli oggetti del nostro sistema solare che più affascinano gli astronomi e per capire perchè basterebbe soffermarsi a guardare questa meravigliosa foto di Encelado, una delle lune del pianeta Saturno, immortalata dalla eroica sonda Cassini, dove il satellite del pianeta cerchiato appare come una perfetta sfera di panna montata, con curiose striature azzurrognole.

Ebbene, secondo uno studio pubblicato oggi su Nature, esiste la prova matematica, ormai, che sotto la superficie ghiacciata di Encelado, la sesta e più grande luna di Saturno, ci sarebbe acqua allo stato liquido.

Per arrivare a questa conclusione, un gruppo di scienziati tedeschi ha "modellizzato" il pennacchio di polveri ed acqua che gira vorticosamente intorno al polo sud di Encelado scoprendo che la polvere del vortice, rallentando, cade sfuggendo all'abbraccio del vapore di acqua che si molto muove più velocemente di lei.

Encelado è un piccolo corpo che orbita esternamente all'anello "E" di Saturno ed è uno dei soli tre esterni al Sistema Solare, sui quali sono state osservati geyser attivi che espellono, come in un'eruzione vulcanica, materiale costituito da grani di polveri non molto grandi mischiati con vapore di acqua.

Un materiale che, in studi precedenti, gli scienziati avevano ipotizzato potesse essere la sorgente dell'anello E di Saturno.

Ma, fino ad ora, sia la dinamica sia l'origine del pennacchio erano rimaste un mistero.

Dopo aver realizzato modelli matematici del vortice di polveri e vapore d'acqua, Jurgen Schmidt e colleghi della University of Potsdam, Germania hanno sviluppato una teoria che spiega che queste particelle, che si formano a causa delle frequenti collisioni dei grani contro le pareti del canale di uscita dei geyser, vengono sparate nello spazio dalla spinta delle pressioni interne. Nei modelli hanno calcolato, altresì, la velocità delle particelle e la loro distribuzione dimensionale che si riproducono nelle caratteristiche osservate nel pennacchio.

Alla fine hanno concluso che, secondo i risultati ottenuti modellizzando tutti i parametri relativi alle proprietà delle polveri e del vapore di acqua, sotto la superficie ghiacciata della luna esiste acqua allo stato liquido in equilibrio con il ghiaccio e il vapore.

Ed è una scoperta che spalanca davvero una ancor più grande ondata di interessi per questo 'defilato' oggetto del nostro sistema solare. (fonte Apcom)

Nessun commento: